Dettaglio News
<  LST-1, il prototipo del primo telescopio di CTA, rivela emissione gamma di alta energia da parte della Pulsar del Granchio
01.07.2020 12:45 Età: 113 days
Categoria: HOME

Nuova pubblicazione su Nature Astronomy: Le nane bianche ci raccontano dell'origine del carbonio


Didascalia dell'immagine: Quattro splendide immagini di nebulose planetarie che fotografano le ultime fasi di vita delle stelle di piccola massa (fino a circa 8 volte la massa del Sole), mentre si spogliano del loro inviluppo gassoso eiettandolo nel cosmo. Il gas espulso è arricchito di nuovi elementi chimici, incluso il carbonio, da poco prodotti negli interni caldi della stella. l piccolo punto bianco al centro di ogni immagine è la futura nana bianca.


Tutti sappiamo che il carbonio è essenziale per la vita sulla Terra. Ogni atomo di carbonio nell'universo è stato prodotto dalle stelle, attraverso la fusione di tre nuclei di elio. Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Nature Astronomy mostra come le nane bianche, resti compatti lasciati dalle stelle di piccola massa alla loro morte, possano contribuire a svelare l’origine del carbonio nella nostra galassia. La ricerca, coordinata da Paola Marigo, è frutto di una collaborazione internazionale che vede coinvolti, oltre al DFA, prestigiosi istituti di ricerca e università, quali, tra gli altri, la Johns Hopkins University, la University of California Santa Cruz e lo Space Telescope Science Institute. Lo studio è sostenuto dall’Unione Europea attraverso un finanziamento approvato dal Consiglio Europeo della Ricerca (progetto ERC STARKEY). 


Pubblicazione online: https://www.nature.com/articles/s41550-020-1132-1

Comunicato stampa UniPD