Problemi conosciuti

Problemi di accesso a Moodle

Può capitare che, a causa del grosso carico di accesso a Moodle si presentino dei rallentamenti ai servizi che richiedono l'accesso via SSO. Ecco alcuni consigli per aggirare il problema:

  • Per le lezioni Live sincrone+Rec creare meeting Zoom ricorrenti: il link così non cambia; comunicare quindi il link via email agli studenti e comunicare l'appuntamento per il collegamento.
  • Usare sempre e solo l'applicazione Zoom e non effettuare il SIGN OUT ma semplicemente spegnerla quando non usata: una volta effettuato il primo login SSO poi si potrà usare senza problemi sia per il docente che per gli studenti. Ogni ZoomMeeting creato su Moodle compare tra i meeting nell'applicazione e quindi potrete farlo partire direttamente da lì. Gli studenti lo ritroveranno tra i recenti, oppure scriveranno l'ID comunicato.
  • Registrare le lezioni Zoom su cloud Zoom: se avete collegato il cloud Zoom con l'ID di Kaltura, non appena possibile, la registrazione sarà automaticamente caricata su mediaspace. Nel frattempo, se urgente, però potrete condividere il video via Cloud di Zoom comunicando il link agli studenti.
  • Kaltura è una registrazione asincrona e funziona senza rete, dovete solo effettuare la prima associazione con il vostro SSO e successivamente non effettuare il logout (purché usiate un PC personale). In questo modo potrete effettuare le registrazioni che verranno inviate su mediaspace semplicemente premendo il pulsante upload non appena il server le potrà accettare, ovvero quando il carico lo permetterà.
  • Anche da mediaspace se necessario si può condividere direttamente il video senza passare per Moodle.
    • Andando su "My media" si seleziona il video da condividere. Si preme, "Actions", "Publish" e si imposta la privacy su "Unlisted". Invece che pubblicarlo poi su Moodle in Embed si può inviare il link diretto via e-mail per la visione in mediaspace.
    • Può essere inoltre reso scaricabile: una volta fatto il login e individuato il video, si preme "Actions", "Edit", "Download" e si "spunta" tutto.
  • Se avete il video solo in PC locale potrete caricarlo su Moodle direttamente non appena Moodle lo permetterà.
    Premere su "Add new" e poi su "Media Upload".
  • Vi ricordo che se usate Zoom con le credenziali Gmail o FB e non SSO non avete l'account "Licensed" per cui potrete fare collegamenti solo di 40 minuti se i partecipanti sono maggiori o uguali a 3, inoltre non avete a disposizione la modalità di salvare il video registrato su CloudZoom, e quindi su mediaspace, ma solamente in locale.

Rallentamenti nella sincronizzazione da Zoom Cloud a Mediaspace

Un problema verificatosi alcune volte in questo semestre è il rallentamento nella comparsa della registrazione del meeting Zoom sullo Zoom Cloud (che indica per ore, a volte giorni, il video processing pendente) o un rallentamento nella sincronizzazione dello Zoom Cloud con il Kaltura/Mediaspace. Nonostante questi rallentamenti si siano verificati essere anche molto prolungati, non ci risulta che sia andato perso nulla.

Certo non poter condividere, per giorni, la lezione registrata risulta sgradevole, ma spesso il motivo è da cercare nell'intasamento dei server dell'uno o dell'altro strumento (da verificare monitorando lo stato dei due servizi su status.kaltura.com e su status.zoom.us).

Un modo per ridurre al minimo questi delay è di limitare la durata delle singole registrazioni a 20-30 minuti, o comunque di non superare i 45 minuti corrispondenti ad un'ora accademica. Le lezioni di due ore devono essere spezzate in 2 singole lezioni più brevi. In generale questo è un suggerimento valido per le registrazioni sullo Zoom Cloud, ma anche per le registrazioni su PC, effettuate con qualsiasi software.

Risoluzione non ottimale dei video su Kaltura/Mediaspace

I video caricati su Kaltura/Mediaspace sono in qualche modo compressi, per rendere più leggero il sistema e per non oberare il server che deve gestire tutte le registrazioni di tutti gli insegnamenti di tutto l'ateneo.

Questo comporta che la versione su Mediaspace possa avere una risoluzione inferiore a quella del video originale o che la profondità di colori o il contrasto delle scene non sia l'originale (deteriorando particolarmente le riprese delle spiegazioni con lavagna a gesso).

Qualche docente ha quindi optato per l'upload dei video su YouTube. Uno svantaggio di questo strumento è che la privacy dei video è molto meno sotto controllo. YouTube concede solo 3 opzioni: video pubblici, privati o "non in elenco". È necessario essere consapevoli che con questa ultima opzione il video non è reperibile con i motori di ricerca, ma che chiunque conosca il link può divulgarlo ad altri o pubblicarlo sui social, rendendolo di fatto pubblico.

Invece un video su Mediaspace può essere reso disponibile sulle pagine moodle di un insegnamento, pur rimanendo per chiunque altro privato: tale video sarà quindi accessibile solo all'interno del moodle e quindi solo agli studenti iscritti al corso.