Luce e Materia

Luce e Materia: benvenute pinzette ottiche!

Il 6 Settembre sono state installate, presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia, delle mini pinzette ottiche nate dalla collaborazione con il Dipartimento di Fisica e Chimica dell’Università di Barcellona. L’acquisto di questo strumento è stato garantito da un progetto Grandi Attrezzature dell’Università di Padova, bando 2015, e dal cofinaziamento del gruppo fisica della materia del DFA e gruppi di ricerca dei Dipartimenti di Scienze Chimiche (DISC) e di Medicina Molecolare (DIMM). La gestione della macchina è in carico al Laboratorio di Fisica delle Superfici e Interfacce.
L’installazione delle pinzette ottiche è stata fatta dal Prof. Felix Ritort, direttore del Small Biosystems Lab, che ha assemblato l’apparato assieme ai suoi collaboratori Teo Puig Walz, Isabel Pastor del Campo e Marc Rico Pastó. A supervisionare le operazioni Annamaria Zaltron, che ha trascorso un anno a Barcellona per imparare la metodologia, e Michele Merano.
Questo sofisticato strumento, unico in Italia, permette di manipolare oggetti con dimensioni micro e nanometriche grazie alle forze di scattering e di gradiente che vengono esercitate da un fascio laser focalizzato. L’assenza di un contatto diretto con il materiale studiato e l’estrema precisione nel controllo degli spostamenti e delle forze applicate rendono le pinzette ottiche la tecnica principe per la manipolazione di materiale biologico, come cellule, batteri, proteine o frammenti di DNA. Lo strumento in dotazione presso il Dipartimento ha inoltre il vantaggio di poter realizzare esperimenti di singola molecola, che negli ultimi anni hanno visto importanti sinergie con la biochimica e la fisica statistica. Ma le potenzialità delle pinzette ottiche non si limitano agli ambiti sopra citati e svariate sono le applicazioni scientifiche di tale tecnologia, in campo ingegneristico e microfluidico.
Per maggiori dettagli, si veda http://lafsi.dfa.unipd.it/index.php/it/ .

Light and matter: welcome optical tweezers!

On September 6, the optical tweezers have been finally installed in the Department of Physics and Astronomy (DFA), born out of the collaboration with the department of Physics and Chemistry of Barcelona University. The funding of this set-up was warranted by a project Grandi Attrezzature of Padua University, call 2015, and the cofunding of the group of physics of matter of DFA and research groups of the departments of Chemical Sciences (DiSC) and Molecular Medicine (DiMM). The management of the apparatus is in charge at Lafsi.
The installation of the optical tweezers was carried by Prof. Felix Ritort, head of the Small Biosystems Lab which assembled the apparatus, together with his coworkers Teo Puig Walz, Isabel Pastor del Campo e Marc Rico Pastó. To supervise the operations Annamaria Zaltron, who spent one year in Barcelona to learn the methodology, and Michele Merano.
This sophisticated instrument, unique in Italy, allows manipulating objects of micron and nanometric size thanks to the scattering and gradient forces produced by a focalized laser beam. The absence of a direct contact with the material under investigation and the extreme precision in the control of the displacements and applied forces make the optical tweezers the best technique to manipulate biological material like cells, bacteria, proteins and DNA.  The instrument installed at Lafsi allows also the realization of single molecule experiments, which have witnessed important synergies between statistical mechanics and biology in the past few years. Apart from these, the optical tweezers can be also successfully applied in microfluidics and complex fluids.
For further details, see http://lafsi.dfa.unipd.it/index.php/en/